EVENTI

il Dante di Wolfango.jpg

Nel settembre 2020 il compianto Prof. Emilio Pasquini, illustre dantista, visionò, nella casa-studio di Wolfango, un notevole numero di opere inedite inerenti alla Divina Commedia e con grande entusiasmo pensò all’ organizzazione di una mostra che, a parer suo, non poteva non svolgersi nell’ anno 2021, anno delle celebrazioni dantesche che vedeva Bologna con poche iniziative relative al Sommo Poeta.
La scelta della sede espositiva è ricaduta su Santa Maria della Vita, luogo caro all’artista e che già in passato aveva ospitato sue personali.
La mostra, a cura di Laura Pasquini e Alighiera Peretti Poggi, si propone di celebrare il Sommo Poeta, attraverso i lavori che, tra il 1963 e il 1968, a lui dedicò il pittore bolognese Wolfango Peretti Poggi, acuto lettore ed interprete della Commedia.
Nel 1972 Wolfango illustrò per i tipi di Rizzoli un’edizione di lusso delle tre cantiche della quale ormai esistono pochissimi esemplari. L’artista ci ha lasciato, però, moltissimi accurati disegni preparatori con cui è possibile ricostruire la nascita e l’iter creativo delle 100 tavole che illustrarono l’edizione a stampa.
La mostra presenta inoltre un corpus originale di disegni monocromi che il pittore realizzò, all’inizio degli anni Duemila, sulle “Similitudini dantesche”, temi estrapolati dal testo poetico per il loro carattere eminentemente “astorico”.

SERVIZI MUSEALI BOLOGNA